Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Attribuito ad Ipparco di Nicea, astronomo greco del 2° secolo avanti Cristo, fu probabilmente ideato molto tempo prima.

Il Palazzo Reale di Caserta e il Solstizio d’inverno

                                        

    La Reggia di Caserta è ubicata ad una latitudine di 41°04’24”, il suo asse longitudinale ha,  
    rispetto al nord, una deviazione di circa 4° verso Est e la quota è di circa 68 m/slm. (Fig 1)

 ESCAPE='HTML'

A questa latitudine, il sole, nell’arco del suo moto apparente nel cielo durante l’anno, raggiunge un’elevazione massima sull’orizzonte di 72°22’ circa il 21-06, in coincidenza con il solstizio d’estate ed una minima di 25°29’ circa il 21-12, in coincidenza con il solstizio d’inverno. (Fig 2)

 ESCAPE='HTML'

La Reggia ha un’altezza, al culmine dei tetti, di 45 circa mt rispetto al piano di campagna e le falde dei tetti stessi hanno un’inclinazione di circa 25° rispetto al piano orizzontale, cioè la stessa angolazione che, come detto prima, raggiunge il sole al solstizio d’inverno. (Fig. 3)

 ESCAPE='HTML'

Questa uguaglianza è veramente singolare perché fino alla data del solstizio il sole è al di sotto della linea di colmo dei tetti per cui non è visibile dai Cortili del Palazzo, ma immediatamente dopo comincia a spuntare e ad illuminare gli androni che collegano i cortili tra loro ed essi con il parco reale.
È un caso che ciò accada proprio in coincidenza con il solstizio o è frutto di un calcolo di quel grande genio che era il Vanvitelli, il quale ha voluto così riferirsi al sole che, dopo la sosta invernale (solstizio = sol-stazio – fermata del sole) risorge a nuova vita? Si è del parere che la scelta sia stata deliberata, ciò in quanto, al di là della geometrica precisione di tutti gli elementi costruttivi verticali ed orizzontali della Reggia e dell’uso sapiente della Sezione Aurea, l’inclinazione della falda avrebbe potuto anche essere diversa. Infatti, l’angolo è legato solo alla quantità di pioggia che cade ed alla sua intensità, per far si che l’acqua piovana abbia - in relazione alle notevoli dimensioni planimetriche delle coperture - tempi di corrivazione tali da poter essere smaltita convenientemente dai canali di scolo e dalle bocche di scarico dei pluviali.

Ma questa valutazione tecnica da sola non basta a spiegare il perché l’angolo di inclinazione delle falde sia proprio uguale a quello raggiunto dal sole al solstizio d’inverno, perciò si è portati a propendere per una “illuminata” razionalità  della scelta che, come detto prima, potrebbe essersi ispirata al ritorno della luce emanata dal nostro astro fulgente, come celebrato sia dai riti celtici che da quelli saturnali dell’antica Roma.
Perciò si può affermare che “con il solstizio d’inverno il Sole rinasce e il Palazzo Reale di Caserta rivive.
                                                        Elia RUBINO
NOTA
Questo articolo non ha nessuna pretesa scientifica, ma vuole essere solo un contributo di pensiero per conoscere e valorizzare ancor più il nostro inestimabile patrimonio culturale.